micosi_Fotor

SALUTE E PREVENZIONE

Micosi della pelle: riconoscerla e curarla

12 Dic , 2015  

La micosi della pelle  è un’infiammazione provocata da funghi patogeni, denominati miceti, che, superando le barriere protettive del nostro organismo, giungono ad infettare la nostra pelle, le unghie, i capelli e le aree genitali.

Contrarre un’infezione cutanea da funghi è molto facile. I luoghi in cui possiamo entrare in contatto con i miceti sono molti, specie se frequentiamo palestre o piscine. Per non parlare delle spiagge! L’umidità e le temperature elevate, e soprattutto la scarsa igiene di questi luoghi permettono il libero proliferare di ogni sorta di microrganismo.

Come riconoscerle

Esistono diversi tipi di micosi, ciascuna con delle caratteristiche tipiche. In genere si presentano però con un aspetto piuttosto tipico che rende facilmente diagnosticabile il tipo di affezione:

  • macchie bianche o rossastre
  • cuticole che si staccano
  • sensazione di prurito

Tuttavia in alcuni casi potrebbe essere necessario per confermare la diagnosi prelevare una piccola quantità di materiale biologico per esaminarlo al microscopio.

Le cause

Nonostante la promiscuità che caratterizza alcuni ambienti considerati da sempre l’habitat naturale per molti agenti patogeni, tra i quali i miceti, possiamo notare che non tutti contraggono questo tipo di malattia.

La spiegazione sta nel fatto che i miceti, causa della micosi, attaccano il nostro organismo solo in presenza di determinate condizioni: l’abbassamento delle difese immunitarie, stress, di disturbi alimentari o l’alterazioni della flora batterica intestinale.

Anche una carenza di vitamina A, C o E,  di minerali o l’abuso di zuccheri e di formaggi fermentati può provocare lo sviluppo della micosi della pelle. Mentre i soggetti in perfetta salute, con difese immunitarie efficienti, non contrarranno la micosi. 

Tinea-Versicolor_fotor

Prevenire le micosi

Di norma il nostro sistema immunitario impedisce ai miceti di proliferare. Ma in alcune situazioni, come nel casi di un’igiene inadeguata, della compromissione del sistema immunitario, di un ristagno della sudorazione, di una gravidanza, il fungo può proliferare in modo anomalo, scatenando così l’infezione.

Le aree del corpo maggiormente colpite dai miceti sono:

  • le unghie (soprattutto quelle dei piedi)
  • il cuoio capelluto
  • i genitali

Per prevenire l’insorgere della micosi quindi è necessario tenere in considerazione alcune regole:

  • praticare una costante e corretta igiene del corpo;
  • non scambiare oggetti di toeletta;
  • evitare il contatto con persone infette;
  • non utilizzare indumenti stretti;
  • evitare di indossare indumenti realizzati con fibre artificiali;
  • mantenere un giusto peso corporeo.

Alcune ricerche hanno acceso i riflettori su obesità e diabete come condizioni che predispongono all’infezione.

PIEDI_Fotor

Come curare la micosi

Le micosi non vanno affatto  trascurate, in quanto, contrariamente a quanto molti pensano, non tende a regredire, anzi! Occorre quindi un trattamento mirato.

Sarà il dermatologo a stabilire il trattamento da seguire. Generalmente si risolve con l’utilizzo di antimicotici locali: creme, lozioni e shampoo a base di clotrimazolo, miconazolo, econazolo, efficaci e con pochi effetti collaterali da applicare fino alla scomparsa del fungo. Dove necessario, il medico potrà prescrivere anche antimicotici per via orale.

Rimedi naturali

Un valido aiuto nella lotta alla micosi delle unghie è rappresentato dall’aceto, utile per eliminare funghi, batteri ma anche la muffa in casa.

Un pediluvio, fatto ogni sera, miscelando ad un catino di acqua tiepida un cucchiaio da cucina colmo di bicarbonato di sodio per ogni litro di acqua utilizzato è un ottimo coadiuvante contro il piede dell’atleta.

Il tea tree oil, un olio essenziale estratto dalle foglie dell’albero di Malaleuca Alternifolia, grazie alle sue proprietà disinfettanti e curative sembra dare buoni risultati nel trattamento delle infezioni fungine.

Anche lo zolfo ha proprietà antifungine fornendoci un valido aiuto nella curare delle micosi. Lo zolfo svolge infatti un’ottima azione antifungina che esplica, diversamente dai farmaci, per alcuni giorni dopo l’uso. Molto efficace per curare la Pityriasis Versicolor o fungo di mare.

Regole anticontagio

Quando ci si accorge di aver contratto una micosi è opportuno adottare qualche accorgimento e seguire alcune regole igieniche per evitare di trasmettere il fungo anche alle persone con cui entriamo in contatto.

  • Lavarsi con saponi allo zolfo o miscelare nell’acqua del bicarbonato in quanto entrambi igienizzanti e fungicidi.
  • Evitare per quanto possibile di grattare la parti colpite per evitare di diffondere l’infezione.
  • Riservarsi un uso esclusivo di asciugamani, accappatoi, lenzuola, abiti e calzature, in quanto, venuti a contatto della pelle infetta, possono essere veicolo di trasmissione dell’infezione.
  • Utilizzare nei lavaggi della biancheria delle temperature piuttosto elevate e stirare tutti i capi, anche quelli che solitamente non siamo abituati a stirare.

 

, , , , , ,



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *