nei_Fotor

SALUTE E PREVENZIONE

Nei e tumori della pelle: come riconoscerli

12 Feb , 2016  

nei (o nevi) sono delle macchie della pelle di colore più o meno scuro, rotondeggiante, localizzate in ogni parte del corpo, specialmente sulla superficie del viso, del collo e sul cuoio capelluto. Sono originati da accumuli di melanociti.

I melanociti sono cellule epidermiche che, insieme ai cheratinociti, assolvono il compito di produrre la melanina, il pigmento che ci protegge dagli effetti dannosi dei raggi solari donandoci il seducente colore ambrato dell’estate.

A volte però si accumulano in agglomerati, formando, insieme al tessuto circostante, una piccola massa nota come neo (o nevo, che è il termine medico).

Nei e tumori della pelle

Alcuni studi hanno mostrato come la pelle sia la parte del corpo maggiormente colpita dalle forme tumorali, anche se, per la maggior parte, non tutte pericolose.

Poco noti al grande pubblico, i più frequenti tra i tumori della pelle sono i carcinomi basocellulari, tumori maligni della pelle, che si sviluppano nelle cellule basali dell’epidermide ma non particolarmente aggressivi e pericolosi, salvo diventarlo qualora non vengano diagnosticati e curati per tempo.

Diverso è il caso del melanoma: un tumore maligno della cute, provocato dalla trasformazione tumorale dei melanociti.

Come distinguere un neo innocuo da uno pericoloso

Si stima che in Italia, nel 2012, per circa 67.000 italiani è stato diagnosticato un carcinoma, mentre per 11.000 un melanoma. Il melanoma è la forma meno frequente di tumore cutaneo, ma anche la più pericolosa.

Può non essere facilmente riconoscibile, in quanto spesso simile ad un innocuo neo, di quelli acquisiti o congeniti che tutti abbiamo da qualche parte del nostro corpo.

Come per tutte le altre forme di cancro, anche per il melanoma una diagnosi precoce può salvarci la vita. Questo per l’evoluzione stessa della neoplasia, che può svilupparsi velocemente con metastasi ai linfonodi e agli organi interni. Un intervento immediato, con l’escissione chirurgica del tumore può fare la differenza.

nei_Fotor

I nei normali sono delle comuni piccole macchie e sono presenti in quasi tutte le persone: piatti,  tondeggianti e di forma regolare.

I nei displastici (o atipici) sono neoformazioni delle cellule melaniche cutanee, caratterizzate da una crescita irregolare, che sebbene non mostrino chiari segni di malignità, non sono però nemmeno del tutto benigne. Pertanto le persone che presentano nei displastici sono soggetti a un maggiore rischio di sviluppare uno o più melanomi.

Il melanoma

Come abbiamo già detto il melanoma non è facilmente riconoscibile in quanto spesso appare simile a un qualunque neo. Può presentarsi come una macchia dal colore marrone-nero con bordi irregolari o differenti colorazioni; come una lesione rosea o rossa che aumenta velocemente di dimensioni.

In presenza di nei, per una buona salute della nostra pelle, le caratteristiche a cui è necessario prestare attenzione sono: la regolarità della forma e del colore; la grandezza (superiore o meno a 6 mm) l’andamento nel tempo (ha subito sostanziali modifiche?).

Anche un improvviso prurito o sanguinamento così come la comparsa di una nuova lesione sono segnali da non sottovalutare, che dovrebbe spingere il paziente a consultare un dermatologo.

melanoma_Fotor

I soggetti più a rischio

I tumori cutanei sono maggiormente frequenti nelle persone con un’età superiore ai 50 o che si sono esposte al sole in modo prolungato e soprattutto senza protezioni. Può però insorgere anche in soggetti a basso rischio.

Sono considerate ad alto rischio le persone con carnagione chiara o che si scottano facilmente al sole; che si espongono, per lavoro o diletto, molto tempo al sole; che fanno uso di lettini solari; che hanno familiarità di tumore cutaneo nella tua famiglia; che hanno subito un trapianto di organo.

Ci sono nei e nei

Erroneamente a quanti molti pensano, i nei non sono forme tumorali, ma possono diventarlo in determinati casi. Vediamo insieme quali sono le condizioni da non trascurare: i nei dalla caratteristiche atipiche, con bordi irregolari e colore non uniforme devono essere considerati a rischio.

Per riconoscere un neo da tenere sotto stretto controllo, è fondamentale ricordare che il sintomo principale di un melanoma è caratterizzato da un cambiamento nel colore e nella forma.

Per questa ragione è di vitale importanza sottoporsi a regolari controlli dermatologici, ogni 6 mesi/1 anno, per coloro che hanno molti nei o che hanno la pelle chiara. Per gli altri dopo un iniziale screening dermatologico basterà seguire le indicazioni del medico.

Prevenire sempre: un neo che aumenta dimensioni, cambia colore o forma va fatto controllare. Sempre e al più presto da un dermatologo.

, , ,



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *