conoscere la propria pelle

BELLEZZA E SALUTE

Peeling naturali fai-da-te

25 Nov , 2015  

Chi per pigrizia, chi per mancanza di tempo, chi ancora per risparmiare… siamo in molte ad avere una valida ragione per non prenderci più spesso cura di noi stesse, regalando alla nostra pelle qualche attenzione in più. Impariamo allora a prepararci in casa i nostri trattamenti di bellezza! Veloce ed economico: ecco qualche consiglio per realizzare  un peeling per la nostra pelle. E’ semplicissimo: qualche ingrediente naturale ed economico e  qualche accorgimento saranno sufficienti per ottenere anche in casa ottimi peeling naturali fai-da-te con risultati degni di un salone di bellezza.

Iniziamo a preparare il nostro Peeling fai-da-te

Alcune informazioni preliminari per massimizzare i risultati evitando inconvenienti.

  • Testare sempre il prodotto fatto in casa su una piccola area dell’avambraccio. In presenza di arrossamenti ed irritazioni post-trattamento evitare l’applicazione.
  • Massaggiare i prodotti ottenuti sempre molto delicatamente nelle zone del viso e del collo.
  • Eseguire i trattamenti preferibilmente la sera prima di andare a dormire per enfatizzare il naturale processo rigenerativo notturno.
  • Evitare di truccarsi dopo il trattamento.
  • Risciacquare perfettamente rimuovendo ogni residuo di prodotto con acqua fresca.
  • Idratare leggermente dopo il trattamento.
  • Dopo il trattamento asciugare la pelle evitando di strofinarla ma tamponando delicatamente con un panno morbido.
  • Applicare regolarmente l’esfoliante fai da te una volta a settimana.
  • Solo per pelli veramente “dure” e solo per le zone del corpo: massaggiare il prodotto con l’ausilio di un guanto di crine o dello specifico panno in microfibra.

Il Peeling adatto alla tua pelle

Scegliete innanzitutto l’ingrediente più adatto alla zona e al problema da trattare. Lo avresti mai immaginato che alcuni dei più comuni ingredienti presenti nelle nostre cucine possiedono particolari proprietà preziose per la  bellezza della pelle?

alfaidrossiacidi_Fotor

  • Gli alfaidrossiacidi, detti anche in modo limitante acidi della frutta, sono degli acidi organici provenienti dalla frutta, ma anche da alcune piante e dal latte, con delle caratteristiche chimiche che li rendono degli ottimi idratanti ed esfolianti dell’epidermide. I più utilizzati nella fabbricazione di prodotti cosmetici sono senza dubbio l’acido glicolico e l’acido lattico, ma trovano largo impiego anche l’acido citrico, il malico, il piruvico e il tartarico.

Ottimi  esfolianti gli alfaidrossiacidi rimuovono perfettamente le cellule morte accumulate sulla pelle rendendola di nuovo priva di ogni asperità, impurità o macchie svolgono contemporaneamente una funzione antiossidante nutrendo e idratando la pelle stimolando la produzione di collagene ed elastina.

Perfetti per pelli grasse e impure, sono per questo indicati anche per le secche e segnate dal tempo che necessitano pertanto di un bagno di idratazione.

È sempre raccomandabile non eccedere nella frequenza e nelle quantità di prodotti a base di alfaidrossiacido perché potrebbero causare problemi di ipersensibilizzazione soprattutto con l’esposizione al sole.

  • Bicarbonato: derivato dell’acido carbonico, è un composto di sale  ricavato da alcuni tipi di piante e da acque ricche di sodio polvere, di aspetto incolore ed inodore, è solubile in acqua. È l’esfoliante più delicato con una composizione alcalina che lo rende ideale anche per le pelli e le zone sensibili.
  • Zucchero: un discreto quantitativo di acido glicolico lo rendono un discreto agente schiarente ed esfoliante.
  • Sale grosso: ricchissimo di minerali con proprietà antisettiche e antinfiammatorie, il sale attenua l’acne, combatte la psoriasi, rallenta l’invecchiamento cutaneo.
  • Yogurt: ricco di lattosio, acido lattico, vitamina h e lipidi agiscono a livello cellulare rendondolo ideale per pulire la pelle e liberare i pori ostruiti, l’acido lattico invece ammorbidisce la pelle, riducendo le rughe e idratando le zone secche.
  • Miele: ricco di fruttosio, glucosio, acqua e altri zuccheri, tra cui acidi organici, sali minerali, enzimi, aromi  svolge un’azione idratante ed energizzante, oltre che anti-acne e antinfiammatoria.

natural-cosmetics

Una volta scelto l’ingrediente base aggiungeremo un olio vegetale diverso in base alla biotipo cutaneo:

  • Pelle secca: olio d’oliva o olio di mandorle dolci;
  • Pelle mista e normale: olio di jojoba ideale per le pelli miste, leggero e non untuoso;
  • Pelle grassa: olio di nocciola, che ha proprietà sebo riequilibranti e purificanti.

 E’ possibile potenziare i benefici del nostro peeling con l’aggiunta di qualche additivo naturale:

  • per un peeling aromatico e rinfrescante: aggiungere la scorza grattugiata di un’arancia.
  • per un peeling addolcente e aromatico: aggiungere del cacao in polvere.
  • per un peeling antiacne: aggiungere qualche goccia di olio di cocco.

Prepariamo il nostro peeling

Mescolare bene tutti gli ingredienti che conserveremo in un luogo fresco e asciutto oppure in frigorifero all’interno di un vasetto di vetro.

Dopo aver lavato perfettamente le zone che vogliamo trattare, tamponandole leggermente per lasciarle umide, applicare il composto un po’ per volta. Procedete massaggiando delicatamente la parte per qualche minuto, disegnando con la mano dei cerchi, ed evitando accuratamente le parti più delicate, come il contorno occhi se state trattando il viso. Nel caso in cui il peeling interessi zone come le cosce o i glutei, dovrete invece esercitare un po’ più di pressione per attivare meglio la circolazione e agire su zone di pelle più resistenti.

Terminato il massaggio lasciate agire gli ingredienti per uno o due minuti e poi risciacquate perfettamente la zona con acqua tiepida.

Soprattutto in caso di pelle secca procedere ad una leggera idratazione.

, , , , , ,



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *